1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

INTERVENTI A FAVORE DELLE IMPRESE NEI COMUNI COLPITI DAL SISMA

PDF Stampa E-mail

INTERVENTI A FAVORE DELLE IMPRESE NEI COMUNI COLPITI DAL SISMA

 

Sulla Gazzetta Ufficiale n.95 del 24 Aprile scorso è stato pubblicato il DECRETO-LEGGE 24 aprile 2017, n. 50 che ha previsto ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo.

Di particolare interesse l'art.46 che ha istituito la ZONA FRANCA urbana per tutti i Comuni colpiti dal sisma del quale riportiamo uno stralcio degli aspetti più importanti.

1. Nei Comuni delle Regioni del Lazio, dell'Umbria, delle Marche e dell'Abruzzo colpiti dagli eventi sismici che si sono susseguiti a far data dal 24 agosto 2016, di cui agli allegati 1 e 2 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, con la legge 15 dicembre 2016, n. 229, e' istituita la zona franca urbana ai sensi della legge 27 dicembre 2006, n. 296.

2. Le imprese che hanno la sede principale o l'unita' locale all'interno della zona franca di cui al comma 1, e che hanno subito a causa degli eventi sismici la riduzione del fatturato almeno pari al 25 per cento della media relativa ai tre periodi di imposta precedenti a quello in cui si e' verificato l'evento, possono beneficiare, in relazione ai redditi e al valore della produzione netta derivanti dalla prosecuzione dell'attivita' nei citati Comuni, delle seguenti agevolazioni:

a) esenzione dalle imposte sui redditi del reddito derivante dallo svolgimento dell'attivita' svolta dall'impresa nella zona franca di cui al comma 1 fino a concorrenza, per ciascun periodo di imposta, dell'importo di 100.000 euro del reddito derivante dallo svolgimento dell'attivita' svolta dall'impresa nella zona franca;

b) esenzione dall'imposta regionale sulle attivita' produttive del valore della produzione netta derivante dallo svolgimento dell'attivita' svolta dall'impresa nella zona franca di cui al comma 1 nel limite di euro 300.000 per ciascun periodo di imposta, riferito al valore della produzione netta;

c) esenzione dalle imposte municipali proprie per gli immobili siti nella zona franca di cui al comma 1, posseduti e utilizzati dai soggetti di cui al presente articolo per l'esercizio dell'attivita' economica;

d) esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali, con esclusione dei premi per l'assicurazione obbligatoria infortunistica, a carico dei datori di lavoro, sulle retribuzioni da lavoro dipendente. L'esonero di cui alla presente lettera spetta, alle medesime condizioni, anche ai titolari di reddito di lavoro autonomo che svolgono l'attivita' all'interno della zona franca urbana.

3. Le esenzioni di cui al comma 2 spettano, altresi', alle imprese che avviano la propria attivita' all'interno della zona franca entro il 31 dicembre 2017.

4. Le esenzioni di cui ai commi 2 e 3 sono concesse per il periodo di imposta in corso alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto e per quello successivo.

5. La zona franca di cui al comma 1 comprende anche i Comuni di cui all'allegato 2-bis del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, con la legge 15 dicembre 2016, n. 229.

Le esenzioni di cui al comma 2, spettano alle imprese che hanno la sede principale o l'unita' locale nei comuni di cui al predetto allegato 2-bis e che hanno subito nel periodo dal 1° gennaio 2017 al 31 marzo 2017 la riduzione del fatturato almeno pari al 25 per cento rispetto al corrispondente periodo dell'anno 2016.

TRATTANDOSI DI DECRETO LEGGE DOVREMO ATTENDERE LA SUA CONVERSIONE IN LEGGE CHE SPERIAMO AVVENGA CON ULTERIORI VANTAGGI PER LE IMPRESE COLPITE DAGLI EVENTI DEL SISMA NEI COMUNI DEL CRATERE.

 

Facebook

INFO utili

Attraverso le FAQs potrai trovare le risposte alle domande che più interessano la tua attività, visita la pagina...

Tot. visite contenuti : 1710328
 132 visitatori online

Facebook

Non sei ancora iscritto alla Confcommercio Imprese per l’Italia della Provincia di Ascoli Piceno?
Vuoi esserlo?
Compila la scheda di adesione ed inviala all’indirizzo email: ascolipiceno@confcommercio.it o per fax allo 0736254556. Saremo poi noi a contattarti per perfezionare l’adesione stessa.

  • Banner
  • Banner

Perchè Associarsi ?

Confcommercio rappresenta, tutela e favorisce l’Italia delle imprese. Oggi più che mai continua...

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedi la nostra privacy policy.

Accetto i Cookie da questo sito

EU Cookie